Lo stile “MINIMAL”

Scritto: 16 settembre 2010   |   Categoria: Blog

LESS IS MORE

Il minimal è uno stile essenziale, spogliato dal superfluo per dare massimo spazio alla grafica pura, alla tipografia, agli equilibri e alle proporzioni.

Il grafico “cosciente” è un architetto bidimensionale che non ha paura degli spazi vuoti, essi non vanno letti come assenza ben si come volumi d’aria che fanno respirare l’immagine. Creare un design minimal é una vera opera d’arte non a portata di tutti. Ci vuole esperienza, occhio allenato e gusto per creare un opera apparentemente semplice ma con un struttura forte, d’impatto che esprime tutta la sua essenza, senza ridondanti forzature.

Il minimal negli ultimi anni sta ritornando alla ribalta. La vera grafica e minimal!!!

Di riflesso e per necessità anche il web design sta ripulendo le pagine virtuali. E di moda il linguaggio “basic”, professionale, pulito che esalta e da il massimo spazio ai contenuti.

Inoltre dal punto di vista tecnico; il caricamento del sito è più veloce e si utilizzano un numero minore di risorse server. I siti minimal si sono letteralmente “spogliati”, non usano flash, nessuna animazione, nessun suono, solo grafica “pura” e non per questo si possono definire “poveri”, anzi.

Un valido esempio e la home page di Google è il “massimo del minimo”, semplice, chiara e lampante. Questo sito è estremamente basic ed è conforme con il suo scopo, essere fruibile. Qui la forma e il contenuto o meglio il contenuto da la forma!

Mi piace definire lo stile minimal come un “ritmo grafico” molto semplice (pochi elementi ma buoni) e nel contempo intrigante, con la sua personalità spiccata. Per essere notati non serve “caricare”, riempire, eccedere, “il troppo stroppia”, l’essenza comunica – arriva diritta al cuore.

Nessun commento pubblicato...

Commenta questa notizia